Zulkifle Mahmod

Critica

Singapore alla 52esima Biennale di Venezia

...In una stanza a parte, l'installazione interattiva di Zulkifle Mahmod: “ Sonic dom: an empire of tought”. Un enorme letto a forma di fiore di loto, rosso, a ricordare i fasti della Venezia del 17esimo secolo, l'edonismo che contraddistingueva lo stile di vita dei ricchi veneziani, e allo stesso tempo il simbolo per eccellenza della religione buddista. Un'opera in cui è tutto il corpo che interagisce. Stendendosi all'interno di questo letto, si è avvolti da una cupola sonora, in cui la musica, creata dallo stessa artista, ipnotizza la mente e allontana il presente, immergendo lo spettatore in una dimensione onirica.

Mariagrazia Muscatello

[teknemedia web site]

THE VANISHING RACE

by Marika Vicari

Zulkifle Mahmod è una delle figure chiave nell'arte contemporanea singaporiana. Artista poliedrico predilige il suono, l' installazione, il disegno e la pittura con i quali cerca di interrogare l'oggetto nello spazio. Colori, forme, parole dialogano tra loro dando vita a molteplici forme d'espressione.
I lavori di Zulkifle Mahmod sono un dialogo sospeso tra le frontiere delle forme e dei materiali e riflettono un tessuto attraverso il quale egli esplora il mito, l’immaginario e le illusioni, quelle stesse che arrivano a simulare o alterare la realtà. Da un lato realizza sculture sonore, pensate e costruite attraverso materiali trovati o ricombinati tra loro, e dall'altro performance sonore, dove è richiesto l'intervento dello spettatore o l'ausilio di contributi di altre figure di riferimento. L'unicum è il luogo dell'incontro audiovisivo, quello stesso che si realizza nei suoi disegni e nei dipinti a tecnica mista dove Zulkifle Mahmod mette in relazione i colori come elementi sonori da lui a lungo cercati e le forme come nuove tecnologie di sintesi e ri-composizione.
Ha all'attivo numerose mostre e partecipazioni nazionali ed internazionali:Thailandia, Germania, Giappone, Vietnam, Malesia, Norvegia e Finlandia. I suoi lavori sono stati presentati di recente al Singapore Art Show 2007 New Ways of Experiencing Art e alla 52°Biennale di Venezia.