Leyla Jamil Akhundzada

Critica

by Marika Vicari

Artista, storica dell'arte, critica e curatrice: Leyla Akhundzada è come si dice una figura di primo piano all'interno del panorama dell'arte azera e di quella internazionale. Dai suoi progetti, dalle parole e da esperienze artistiche diverse, nascono opere, come per esempio la serie Women Aspiration to perfection, che, contenendo tutto il carattere proprio della cultura azera e le contraddittorie influenze religiose-storico-politiche che si sono avvicendate nel corso dei secoli, ne ridefiniscono la nuova identità culturale.
Per questa mostra, ARTantide.com, ha scelto di presentare questo ciclo di fotografie dedicato alle donne-contadine che vendono o che offrono frutta e verdura. Sono figure doppiamente emblematiche, poiché pur rappresentando la realtà del proprio paese, l'Azerbaijan, ripercorrono l'iconografia tipica dei dipinti dell'epoca del Rinascimento Italiano. Sono figure di donne, madri, mogli, “ madonne ” che cercano nella compostezza dei loro atteggiamenti di raggiungere quei canoni classici di bellezza e di perfezione che non hanno ancora conquistato.