Peter Kastner

Critica

TRANS INDUSTRIALE

TRANS INDUSTRIALE non va visto come movimento o corrente artistica perché non è questo il nostro ideale, noi proponiamo una forma d´arte di communicazione e di confronto, noi vogliamo rompere i canoni della conseguenza spingendo gli artisti a compiere un miglioramento abbandonando il ritmo della ripetizione ossessiva.

La tradizione dell´era industriale sembra essere terminata; l´industria del futuro sarà separata della società umana e i cloni degli umani saranno i nuovi schiavi della società technologica. Essi svolgeranno i lavori più degradanti: sgorgheranno le nostre fogne, puliranno le nostre strade, assembleranno i nostri computer e le nostre automobili, moriranno nelle nostre guerre. Ci accudiranno con arte e forse a noi umani rimarranno i nostri filgi ma, per favore, solo se generali artificialmente.
L´arte TRANS INDUSTRIALE attaca la coscienza comune con pennelli e computer, quello che conta è solo l´opera d´arte dell´individuo.
Nel modo come si riconoscono, nemici cosi noi, TRANS INDUSTRIALI, riconosceremo l´operato dei cloni dialogando con loro lealmante.
E l´arte sotto forma bi stasi non delle prestazioni atietiche, essere liberi di pensare e di vedere è sufficiente per riconoscere la struttura dell opera d´arte. TRANS INDUSTRIALE non vuole appartenere solo algi artisti ma si apre a tutti gli spiriti liberi.

TRANS INDUSTRIALE si ribella ad ogni corrente di moda e non cerca giustificazioni di sorta per questo non vuole imitare le grandi avanguardie, le quali senz´altro hanno trasformato ma che spesso si sono rivelate strade cieche.
TRANS INDUSTRIALE è la seduzione per essere piu umani e liberi da vincoli d´interesse e sputa addosso algi idioti che pensano di sapere tutto ma sono poveri di spirito, perché sanno solo sfruttare il momento di moda, pronti a rinnegarlo non appena ne nasce uno nuovo.
TRANS INDUSTRIALE è una fonte d´acqua fresca e pura che lascia spazio alla sensibilità e alle emozioni, senza imporsi come una dittatura artistica e noi privi di retorica coglieremo l´attimo senza pensere al futuro. Con queste esigenze, penetrando e trafiggendo la stanca democrazia burocratica sempre meno colta, il TRANS INDUSTRIALE non annuncia nessuna veritá rivelata perché non può esistere ma propone con corragio una nuova intelligente prospettiva.

Anche la polizia dell´arte non può aiutare.

Gli enigmi rimangono insoluti. Benvenuti nell dimensione TRANS INDUSTRIALE.

Paolo Moretto & Peter Kastner

[Transindustriell web site]