Home>Eventi>ARTEOLOGIA - L'Arte Etica in dialogo fra passato e futuro

ARTEOLOGIA - L'Arte Etica in dialogo fra passato e futuro

Archivio Eventi

24 maggio 2018 - 12 settembre 2018
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE di Venezia
Indirizzo: Piazza San Marco, 17/52 – Venezia
Orari: h. 10.00 – 19.00
La biglietteria chiude alle 18.00
Ingresso: L’accesso avviene dal Museo Correr, con biglietto cumulativo dei Musei di Piazza San Marco di € 20,00 ridotto € 13,00

Special Honored Guest: Michelangelo Pistoletto

Movimento Arte Etica: Marco Bertìn, Carlo Bonfà, Julia Bornefeld, Luigi Dellatorre, Gianfranco Gentile, Marco Gradi, Franco Mazzucchelli, Matteo Mezzadri, Marica Moro, Jorge R. Pombo, Sarah Revoltella, Alberto Salvetti e Alessandro Zannier

Special Guest: Patrizia Dalla Valle.
Arteologia
da un'idea di Sandro Orlandi Stagl

Arte.o.logia, significa rapportare (coniugare) il presente (contemporaneo) con l'antico, l'intero con il reperto, l'idea (presente – il concetto) con la memoria (passato). L'Archeologia che diventa arte.o.logia, parola-o-azione, parola-o-arte.
L'opera dell'artista come la più innovativa e stupefacente interpretazione (visione) della connessione tra arte contemporanea e pensiero (restauro) archeologico.


E' opinione comunemente diffusa pensare all'Arte come una rappresentazione diretta ed inoppugnabile della realtà del nostro tempo e all'Artista come un testimone sincero e fedele del pensiero contemporaneo.
Proviamo, però, con la fantasia a viaggiare nel tempo e con il pensiero a trasferirci nel futuro. Proviamo ad immaginare di vivere fra qualche secolo e di ritrovare testimonianze relative ai giorni nostri.
Cosa immaginiamo di trovare?
Non è facile dare una risposta: forse la storia ci può aiutare, anche se essa più volte si è uniformata alla visione della ideologia dominante del periodo. Decidere oggi cosa nei prossimi secoli sarà considerato significativo ed importante è senz'altro una sfida interessante, ma forse una fatica inutile che potrebbe risultare addirittura fuorviante. Troppe volte ciò che dagli antichi veniva considerato di primaria importanza, nel tempo si è poi rilevato di scarso valore e poco rappresentativo.

Questa sfida, però, ci spinge verso altre considerazioni, cioè a riflettere su quanto possa essere importante, se non addirittura necessario, che l'Artista si ponga l'obiettivo di essere sia fedele alla propria creatività, sia in grado di assumersi le proprie responsabilità sociali.
Se l'artista, oltre ad essere un attento cronista dei fatti più rilevanti del proprio tempo, riesce anche ad analizzarli secondo la propria poetica e renderli artisticamente e straordinariamente leggibili, forse davvero compie il primo passo verso la creazione di futuri reperti significativi; l'artista ha come radici fondanti il passato (che non deve essere un vincolo ma un suggeritore) per riflettere sul proprio tempo. Solo così egli può diventare un protagonista del contemporaneo e della storia futura. Responsabilità e sana Ambizione sono alcuni dei valori ai quali gli artisti dovrebbero sempre fare riferimento.

La ricerca archeologica si è spesso posta l'obiettivo di acquisire la conoscenza delle manifestazioni culturali del passato, dando rilievo ai processi di crescita che stanno alla base dei comportamenti umani fondamentali e ponendo molta attenzione, in linea con le ultime tendenze di pensiero, ai modelli di insediamento e di rapporto con l'ambiente.

Questa è la sfida di Arteologia al Museo Archeologico Nazionale di Venezia: l'opera dell'artista, intrisa, come ogni attività espressiva, di concetti significanti e conclusa in piena autonomia, può essere vista come un reperto, un frammento del tutto, oggi contemporaneo e in futuro archeologico?
Gli artisti, quali archetipi della società attuale, cioè una sorta di prototipi universali per le idee attraverso le quali essi interpretano ciò che osservano ed esperimentano (secondo l'immagine primordiale di Jung), sono invitati a riflettere sui “valori significanti” del proprio lavoro e sull'effettiva e ambita eventualità che le proprie opere possano essere oggi “i reperti” del domani.

La mostra è organizzata da ARTantide.com Gallery con il Museo Archeologico Nazionale di Venezia e la collaborazione di Ca' Foscari sostenibile e grazie al supporto degli sponsor.

Catalogo: Maretti Editore

Ufficio Stampa: FG Comunicazione - Venezia