Home>Informazioni>Quotazioni

Quotazioni

Quali sono i riferimenti per conoscere e confrontare le quotazioni degli artisti e delle opere?

Nel mercato dell'arte non esiste un ente ufficiale che possa fornire le quotazioni di mercato di un artista e delle sue opere.
Esistono invece molti punti di riferimento che aiutano a valutare la quotazione e a mantenerla aggiornata; i più noti sono senza dubbio le gallerie d'arte, le case d'asta, le fiere mercato, i cataloghi e gli annuari e, infine, gli stessi artisti.
Siccome ognuno di essi non è costretto a rispettare rigide regole imposte da una qualche commissione di vigilanza, è possibile che le quotazioni presentino delle discrepanze fra loro, anche notevoli.
Perciò, il modo migliore per avere un'idea, la più realistica possibile, della quotazione di mercato, è quella di valutare il più ampio numero di fonti, tenendo conto delle possibili carenze e limiti di ognuna di esse, e poi fare una media.
Ecco di seguito riportate alcune indicazioni generali:

  • Gallerie d'arte: se hanno l'esclusiva di un determinato artista, sono sicuramente i depositari della quotazione ufficiale; ovviamente sono loro a stabilirla, sottostando comunque alle leggi di richiesta del mercato. In questo caso spesso sono abbastanza affidabili. Se non hanno l'esclusiva, è più difficile capirne l'affidabilità; spesso dipende dalla notorietà sul mercato dell'artista trattato. Bisogna tenere presente che la Galleria è spesso portata a concedere uno sconto, piccolo o grande che sia, quindi la prima quotazione fornita talvolta non è quella finale. Infine non bisogna trascurare la serietà del mercante che senza dubbio è la garanzia più importante per la validità delle quotazioni.
  • Fiere mercato: visto che le fiere mercato sono fatte dalle gallerie, le considerazioni sono simili alle precedenti, salvo che, essendo tutte insieme nello stesso posto, sono soggette a facile verifica e quindi i prezzi sono tendenzialmente più livellati e quindi un po' più affidabili.
  • Case d'asta: le case d'asta generalmente presentano vaste panoramiche di artisti verso i quali non hanno una precisa politica di marketing (non è sempre vero...) e quindi le loro quotazioni sono abbastanza affidabili. Tuttavia bisogna considerare che si tratta di quotazioni minime (vedi ad esempio ArsValue o Artprice), dato che i compratori sono sempre alla ricerca dell'affare, perciò sono da considerare un riferimento verso il basso, normalmente inferiore alla quotazione di mercato. Attenzione: per avere un riferimento più veritiero del prezzo dell'opera, è necessario inoltre sommare alle quotazioni i diritti d'asta dovuti in caso d'acquisto, consistenti generalmente in un 15-20% del prezzo di aggiudicazione.
  • Cataloghi e annuari: non tutti gli artisti hanno lavori battuti alle aste e quindi spesso si trovano informazioni sulle loro quotazioni consultando diversi cataloghi e annuari. Attenzione alle indicazioni di provenienza delle quotazioni (galleria, asta, artista): sono importanti per capire il valore reale proposto.
  • Artisti: gli stessi artisti spesso forniscono le loro quotazioni, sulla base del valore a cui le loro opere vengono vendute dai loro galleristi e mercanti. Qui l'attenzione è d'obbligo, perché l'artista potrebbe preferire che le sue quotazioni siano le più alte possibili, almeno come dichiarazione; tuttavia esiste anche la tendenza opposta, ossia il fatto che l'artista può in realtà concedere sconti superiori degli altri mercanti, perché non ha intermediari. In questo caso, però, non si tratta più di quotazioni di mercato, ma di opportunità sporadiche che possono concretizzarsi solo nello studio di alcuni artisti, del tutto fuori dall'ufficialità e quindi senza valore per determinare le reali quotazioni di mercato.

Le quotazioni delle opere d'arte, non sono legate soltanto al valore di mercato, ma anche ad altri aspetti di interesse artistico, storico e culturale, soprattutto se ci si riferisce a "pezzi unici" (come quelli trattati da ARTantide.com).
I principali elementi da considerare sono:
  • La qualità: è l'elemento fondamentale per valutare la quotazione di ogni singola opera. Non è affatto detto che le opere di un artista siano tutte dello stesso livello; non c'è dubbio che alcune siano meglio riuscite di altre.
  • Le dimensioni: spesso il valore dell'opera sale in modo proporzionale al perimetro, non all'area della stessa (molte delle opere esposte in ARTantide.com hanno la quotazione legata alle dimensioni e ad un parametro fisso dell'artista).
  • La tecnica: normalmente le opere su tela sono più preziose delle opere su carta e lo stesso vale per i lavori ad olio o acrilico rispetto alle tecniche miste; non esiste comunque una regola generale e a volte queste considerazioni possono essere sovvertite dalla "bellezza" di ogni singolo pezzo.
  • L'anno: la data di esecuzione dei lavori è spesso molto importante perché esistono dei periodi aurei in cui gli artisti hanno dato il meglio di sé; inoltre la data può caratterizzare la storicità di alcuni pezzi rendendoli particolarmente preziosi.
  • Lo stile: spesso le opere che richiedono un'intensa attività dell'artista risultano più preziose, perché il tempo dedicato e le difficoltà di realizzazione influiscono sul valore.
  • Le recensioni: il successo di un'opera spesso si misura anche in base alle recensioni ottenute (pubblicazioni su cataloghi, riviste, giornali) e alla partecipazione a mostre importanti, in musei e gallerie prestigiose e quindi è possibile che il valore di un'opera sia più alto rispetto a quello di un'analoga opera meno recensita. Inoltre è importante capire se il pezzo appartiene ad un particolare "ciclo" dell'artista e quindi essere prezioso anche se non è pubblicata, ad esempio perché appartiene ad un "ciclo" storicizzato. L'importanza della pubblicazione è da rilevarsi anche e soprattutto come ulteriore garanzia di autenticità nel tempo, il che impreziosisce l'opera stessa.

Per determinare le quotazioni delle proprie opere lo staff di ARTantide.com segue tutte le regole sopra indicate e stabilisce quelle che ritiene essere le più corrette quotazioni di mercato in ogni momento. Lo staff si preoccupa di seguire costantemente il trend e di aggiornare le quotazioni quando cambiano.
Ciononostante può capitare che presso altre realtà, Gallerie, Mercanti, Case d'Asta, ecc... si possano trovare opere degli stessi artisti a prezzi leggermente diversi (in più o in meno); è normale, ma quello che più conta è che ARTantide.com le proprie quotazioni le garantisce, cura la Rivendita e riconosce una forma di rivalutazione concretizzata con il Trust Bonus. Soprattutto offre servizi e consulenza di alto livello e mantiene costantemente pubblicate le opere acquistate, impreziosendo gli acquisti effettuati in questo mercato.