ART HOTEL


CAFFèLARTE

Marthe Happi

Il lusso non è un piacere, ma il piacere è un lusso, Francis Picabia

imgDa alcuni anni si sono diffusi nel territorio nazionale gli Art Hotel, forse per incuriosire ed attirare più turisti ma probabilmente anche per offrire soggiorni diversi, più interessanti, all'insegna del lusso e dell'ospitalità ad alto livello. Arte e ambiente vengono fusi in una soluzione usufruibile ma ricercata e studiata per clienti capaci di apprezzarne il senso e la raffinatezza. E' necessario fare qualche distinzione tra gli hotel che si presentano come Art Hotel: alcuni arredano le stanze e i diversi ambienti con opere di artisti noti, altri si limitano ad intitolare ogni piano ad un artista particolare, altri ancora optano per un arredo costituito da stampe o copie di opere. In genere però si tratta di strutture di buon livello, a partire dalle quattro stelle, che ricercano un modo per rendere più esclusivo e piacevole il soggiorno. Ecco quindi che appendono alle pareti quadri anche molto importanti come per esempio quelli di Bay, Bonalumi, Carmassi, Dova ecc... e allestiscono nelle hall delle vere e proprie installazioni d'arte o sculture notevoli. Il Byblos Art Hotel a Verona è un hotel a 5 stelle organizzato rivisitando una villa del XVI secolo, Villa Amistà, che è diventata cornice di una mostra permanente di arte contemporanea. Gli interni sono un connubio di antico (affreschi originali e strutture classiche) e moderno (negli arredi studiati da un designer di professione e con opere d'arte contemporanea integrate nell'ambiente). Le opere vantano come autori artisti del calibro di Vanessa Beecroft, Marina Abramovic, Sandro Chia, Tony Cragg, Jim Dine, Peter Halley, Damien Hirst, Robert Indiana, Anish Kapoor, Sol le Witt, Piero Manzoni ecc... In questo caso, l'hotel perde la sua connotazione di semplice alloggio per diventare qualcosa simile ad un vero e proprio museo. E cosa c'è di più stimolante per un appassionato d'arte di vivere e mangiare dentro ad un Museo riservato a lui e a pochi altri? Un altro esempio rappresentativo è quello dell'Art Hotel Boston di Torino che si sviluppa anch'esso in una struttura storica, nel centro città, e che può vantare e sfruttare al meglio la vicinanza alla Galleria d’Arte Moderna, alla Fondazione Merz, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e alle ex-OGR (Officine Grandi Riparazioni delle Ferrovie, trasformate in polo culturale), tutte sedi di mostre piuttosto prestigiose. L'hotel offre al suo interno un tipo di arte eclettica che spazia dalle collezioni di libri d'arte agli arredi storici fino agli oggetti dal design più ricercato e moderno. Coerentemente con l'idea di avvicinare l'ospite alla cultura, questo Hotel propone anche una sala lettura dedicata alla consultazione e crea ogni camera pensando ad un particolare genere artistico, ad un tema o ad un artista particolare: dalla rinomata Picasso Room alle altre camere dedicate a Yves Klein, Giulio Paolini, Antonio Trotta, Nicola Bolla ecc.. Visitando gli spazi dell’Art Hotel Boston si fanno incontri sorprendenti con grandi artisti come Burri, Boetti, Castellani, Chia, Fontana, Merz, Ontani, Schifano, Uncini, Warhol, di cui è possibile ascoltare in i-pod la vita e la poetica narrata da attori e attrici su basi musicali. Altri Art Hotel invece, scelgono un arredamento più classico per concentrarsi sull'organizzazione di eventi o sulla proposta di mostre periodiche. Liassidi Palace Hotel di Venezia è uno di questi. Nel cuore della città, affacciato su un romantico scorcio sulla laguna, si presenta come punto di interscambio culturale, favorendo la diffusione di idee creative e ricerche artistiche allestendo nel sontuoso salone della hall interessanti e frequenti mostre, anche molto diverse tra loro. Negli Art Hotel in generale, l'arte può essere rappresentata in tutte le sue forme, dalla pittura, alla scultura alla fotografia, alla grafica fino al design e può essere integrata con la vita degli ospiti in diversi livelli a partire dalla presentazione di artisti locali fino ad allestimenti con opere uniche e prestigiose. Alcuni Hotel decidono di esporre opere scegliendo una tematica o una particolare linea espositiva, (ad es. barocca, minimal o pop) mentre altri preferiscono una visione più universale e meno vincolante. Certo, bisogna anche considerare che è piuttosto facile abusare del termine “ART” scegliendo un arredamento un po' originale senza possedere però le caratteristiche che rendono speciale e unico un ambiente artisticamente esclusivo. Quindi, carissimi lettori, informatevi bene e visitate i siti internet prima di prenotare il vostro bellissimo soggiorno all'insegna dell'arte.

Marthe Happi