Giuseppe Chiari

Lotteria

"Fluxus è:
- un'attitudine verso l'arte
- per l'importanza della non importanza
- i particolari della vita
- il solo movimento artistico capace di mangiarsi la coda
- più importante di quanto non crediate
- meno importante di quanto non crediate
- mandare a morte uno spettacolo
- leggere il giornale di un altro attraverso il buco fatto nel proprio
- addormentarsi e russare durante un concerto di Stockhausen
- gettare 20 litri d'olio sulla scena di Gisèle
- Vostell quando spiega la storia dell'arte
- George Brecht quando evita la storia dell'arte"

L. Vinca Masini, Arte contemporanea, cit., p. 815
Pubblicazioni: "L'arte è facile, l'arte è difficile", catalogo della mostra omonima a cura di ARTantide.com, maggio 2007, pag. 89.

Anno: 2007

Tecnica: Mista su carta

Dimensioni: 70 x 50 cm

Altre Informazioni: Firmata, Incorniciata

ID: 003774

Altre opere in vendita dello stesso artista:
« < > »

Venduta

Desideri fare un'offerta?

Questa opera ha partecipato ai seguenti eventi:

02/05/2007 - 31/05/2007 L'Arte è Facile, l'Arte è Difficile

Recensione di Mercato (Venerdì, 22 febbraio 2008)

Qualità:
Molto alta, per l'importanza del concetto espresso
Prezzo:
Competitivo
[Quotazione al 22/02/2008: € 1.440,00)
Potenzialità nel breve periodo:
Consolidato
Potenzialità nel medio/lungo periodo:
Eccellente
Espansione geografica:
Internazionale
Commento:
Questa opera di Chiari è molto importante, perchè riassume in modo esemplare il concetto che sta alla base del Fluxus e del Dadaismo: l'oggetto come arte. In modo estremamente sintetico Giuseppe Chiari ci fa capire che quando un oggetto ha perso ogni sua funzionalità (il biglietto non giocato non serve più a nulla) l'unica cosa che ancora mantiene è soltanto la funzione estetica; l'artista che ha capito questo concetto, prende l'oggetto e isolandone la funzione estetica lo fa diventare opera d'arte! Un'opera assai importante e significativa per l'artista: da non perdere!