Home>Artisti e Opere>Marco Bertin>Opere>Figure retoriche - Felice anno nuovo

Marco Bertin

Figure retoriche - Felice anno nuovo

Edizione 1/9, stampato su carta supergloss, superlucida.
Opera appartenente al progetto XXS Collection.
Le opere della XXS Collection sono tutti pezzi unici, significativi, di qualità, firmati dall'artista. Sono tutti corredati di Certificato di Autenticità e spesso la loro quotazione supera il prezzo fissato ad hoc per il progetto.
Acquistare un pezzo della XXS Collection significa compiere un primo passo verso una collezione d'arte di prestigio, il cui valore è destinato a crescere nel tempo.
Il progetto è stato costruito grazie all'impegno di tutti gli artisti aderenti e dello staff di ARTantide.com con l'intento di offrire ai visitatori l'opportunità di poter acquistare per se stessi o per fare regali di prestigio, pezzi unici ed originali a prezzi alla portata di tutti.
Su richiesta si effettuano anche pacchetti regalo e consegne presso terzi con dediche e messaggi.
Chiedete informazioni per la preparazione di lotti per regali aziendali.

Anno: 2010

Tecnica: Fotografia

Dimensioni: 18 x 24 cm

Altre Informazioni: Firmata

ID: 008226

Altre opere in vendita dello stesso artista:
« < > »

Venduta

Desideri fare un'offerta?

Recensione di Mercato (Mercoledì, 29 dicembre 2010)

Qualità:
Eccellente
Prezzo:
Molto conveniente
[Quotazione al 29/12/2010: € 100,00)
Potenzialità nel breve periodo:
Discreta
Potenzialità nel medio/lungo periodo:
Buona
Espansione geografica:
Internazionale
Commento:
Ho preso in prestito quest'immagine di Marco Bertin da un lato per fare gli auguri a tutti Voi e dall'altro per fare un breve bilancio dell'anno che sta per finire riportandovi alcune conclusioni sul mercato dell'arte contemporanea che l'Area Reseach del Monte dei Paschi di Siena ed il Ce.St.Art - IULM (Centro Studi Economici e Giuridici sull'Arte) hanno formulato. Secondo questa ricerca c'è in atto, a partire dal 2010, una crescente domanda da parte di compratori più attenti al rapporto qualità/prezzo, per contro il prezzo medio degli acquisti in asta si è sensibilmente abbassato rispetto ai livelli di due anni fa. A brillare è il comparto degli artisti storici e consolidati. Gli andamenti non sono geograficamente conformi, nelle aste di New York i risultati sono stati più che soddisfacenti, con molti record e pochi invenduti, mentre a Milano si sono avuti, soprattutto nell'ultimo periodo, risultati deludenti con molte opere invendute. L'incertezza economica e politica italiana non invita di certo i nostri collezionisti ad investire in arte. Da diverso tempo noi europei ed italiani per primi siamo a rimorchio dell'andamento del mercato americano e l'esperienza ci insegna che come risentiamo a posteriori dell'avvento delle crisi così siamo più lenti a ripartire quando il mercato torna a tirare. Forse sarebbe il caso di prendere in considerazione l'idea di tornare ad investire in arte ora che i valori sono sacrificati e prima che essi riprendano la probabile corsa. Nessuno ci avvisa quando essa comincia, solitamente ce ne accorgiamo quando ormai è troppo tardi. Ritornando all'Art Market Report volevo avvisare che se qualcuno fosse interessato possiamo inviare il testo, completo di grafici e di maggiori dettagli. Nuovamente auguri a tutti Voi per un 2011 sereno e perché no ricco di soddisfazioni nel campo dell'arte.